Amici del Museo Civico Archeologico di Bologna - Esagono

Associazione Culturale fondata nel 1964

Messaggio
  • EU e-Privacy Directive

    This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

    View Privacy Policy

    View e-Privacy Directive Documents

    You have declined cookies. This decision can be reversed.

Si va ad incominciare con Lui l’illustrissimo, l’altissimo, il dottissimo Dott. Balanzone. Forse un po' per simpatia o per il fatto che sia di codesta città, urbe come direbbe lui, ma soprattutto è il primo a dare inizio allo spettacolo “Balanzoneide, ovvero gli etruschi tornano a Bologna".

   

Primo atto, si apre il sipario e in scena c’è Lui il Dott. Balanzone, la maschera bolognese per eccellenza di aspetto gaudente e fisico robusto, che incarna la sua dotta e grassa città. Proviene dalla commedia dell’arte per poi approdare ai burattini come “balanza” (grande bilancia) simbolo della giustizia e dei suoi studi in legge.

A dar “favela” al nostro Dott. Balanzone è Gianfranco, a cui riconosciamo per la sua voce calda e profonda, un’abilità in elucubrazioni, monologhi, proclami ideale per l’interpretazione di questa parte. La padronanza del dialetto bolognese da parte di Gianfranco, bolognese d.o.c, infarcito di citazioni in latino, con simultanea traduzione in lingua italica corrente per il nostro pubblico, riscuote sempre una notevole simpatia, anche se quest’anno un improvviso abbassamento di voce aveva creato un po’ di preoccupazione dietro le quinte.

Al momento Vi salutiamo e presto saremo di nuovo con Voi per proseguire il racconto.

Daniela Bertocchi