Amici del Museo Civico Archeologico di Bologna - Esagono

Associazione Culturale fondata nel 1964

Messaggio
  • EU e-Privacy Directive

    This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

    View Privacy Policy

    View e-Privacy Directive Documents

    You have declined cookies. This decision can be reversed.

Caffè al Museo…ovvero riscoprire le bellezze e le curiosità del Museo Civico Archeologico di Bologna


E’ bello trovarsi tra amici a parlare e confrontarsi, su interessi comuni, magari attorno ad un tavolo, (o perché no) in un luogo meraviglioso conosciuto ma pur sempre pieno di misteri e curiosità.

E’ nata così questa iniziativa domenicale…

Il secondo appuntamento si è tenuto il 6 Marzo e ha visto una significativa partecipazione di soci dell’associazione. I temi scelti per questo appuntamento sono stati 

  1. L’iconografia del mito di Ercole negli oggetti esposti
  2. La guerra di Troia
  3. Quali oggetti  delle collezioni sono più rappresentativi della storia del nostro territorio
Eracle che brandisce la clava, e porge i pomi del giardino delle Esperedi conquistate in una delle 12 fatiche - Bronzo 400 A.C. - Santuario di Villa Cassarini - Bologna  Stele funeraria nella cui parte inferiore è rappresentato il suicidio di Aiace - Arenaria IV secolo A.C. - Necropoli del Polisportivo. Corredo funerario tra cui il premio dei giochi ad Atene - 440 – 435 A.C. - Necropoli Arnoaldi Tomba 110 detta delle Anfore Panatenaiche

La visita è durata quasi 2 ore, come una caccia al tesoro dove si è cercato di individuare nei vasi e nelle steli funerarie il nostro cercare…Non paghi del risultato ci si è “allungati” lungo il percorso Etrusco pieno di oggetti meravigliosi, provenienti dalle necropoli sparse tra la città ed i suoi dintorni soffermandoci sulla conosciutissima (ma pur sempre meravigliosa) Tomba dell’Atleta. Il tempo ci è scappato e,  alla fine ci siamo salutati con l’impegno di vederci presto, con la voglia di approfondire ancora meglio la nostra conoscenza di questo meraviglioso museo e della città che lo racchiude… “Una chicca ripiena”.

Giulio Vitali